Ricerca contenuti, post, video..

COME PROTEGGERE IL CANE DAI BOCCONI AVVELENATI

Share the love

Le passeggiate con il proprio cane all’aria aperta sono un momento di spensieratezza, ma può capitare che al parco o nelle aree boschive si trovino i tanto temuti bocconi avvelenati, che potrebbero provocare spiacevoli conseguenze all’animale. Oggi vi spieghiamo come riconoscerli e come tenerne alla larga il cane!

Come sono fatti i bocconi avvelenati?

Saper riconoscere i bocconi avvelenati è molto importante sia per scongiurare che il cane si avvicini ad uno di essi, sia perché potreste concretamente salvargli la vita.

Solitamente le esche avvelenate sono molto invitanti e golose e devono, infatti, diventare un oggetto del desiderio del peloso: potrebbero essere polpette, fette di prosciutto, uova, bocconcini, con all’interno nascosto il temuto veleno. Tra i più utilizzati ci sono quello per topi, per lumache, o l’antigelo per le auto.

Dov’è più facile trovare bocconi avvelenati?

Le zone potenzialmente a rischio, dov’è quindi più probabile trovare cibi contaminati con veleno, sono quelle nelle immediate vicinanze di aziende faunistico-venatorie o di zone di caccia autogestite. Questo accade perché gli avvelenatori vogliono eliminare qualsiasi tipo di predatore che possa interferire con la loro attività. Non solo, anche i boschi dove si raccolgono i funghi o i tartufi e le aree di coltivazione sono da annoverare come zone rosse, in quanto potrebbero essere sparsi bocconi avvelenati per evitare che gli animali rovinino la vegetazione o il raccolto. Non di rado vengono colpite anche le aree cani: qui vengono lasciati i cibi tossici da individui meschini con la sola intenzione di fare del male agli animali.

Come proteggere il cane dai bocconi avvelenati

Per tutelare il quattrozampe l’ideale sarebbe controllare attentamente il terreno in cui si sta passeggiando, ma sappiamo benissimo che non è molto pratico. Cosa utile da fare piuttosto è educare il cane fin da cucciolo a non raccogliere il cibo da terra ma accettarlo solo se gli viene dato dal suo proprietario, ed eventualmente fargli indossare temporaneamente la museruola. Il cane deve uscire a pancia piena, così diminuiscono le possibilità che sia affamato e ingurgiti tutto quello che gli capita a tiro.

Se il cane ha accidentalmente ingerito un boccone avvelenato ve ne accorgerete subito, i sintomi infatti sono molto chiari: rigidità muscolare, respirazione faticosa, pallore alle mucose, blocco delle funzioni renali, salivazione eccessiva, vomito e diarrea. In questo caso l’unica cosa da fare è correre tempestivamente dal veterinario. Le conseguenze dipendono da una serie di fattori, tra cui il tipo di veleno utilizzato, il dosaggio, il peso e la taglia dell’animale e il tempo trascorso dall’ingestione.

Se vi capitasse di imbattervi in bocconi avvelenati, denunciate immediatamente l’accaduto a qualsiasi organo di polizia giudiziaria.

 


Share the love

Lascia un Commento

Il suo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *