Ricerca contenuti, post, video..

COME COMUNICARE CON IL PROPRIO GATTO

donna-che-comunica-con-il-proprio-gatto
Share the love

Chi tra voi non ha mai provato a comunicare con il proprio gatto? Probabilmente è capitato ad ognuno di noi. A tutti però rimane un dubbio: starà capendo? Ebbene, se si seguono i giusti accorgimenti è possibile farsi capire dal proprio micio. 

Infatti, anche se i gatti non distinguono bene le parole, riescono comunque ad interpretare il tono di voce utilizzato.

Cosa capisce il gatto?

I gatti riescono a captare e a leggere molti segnali delle persone che hanno di fronte. Alcuni tra questi sono la postura, le espressioni del volto e il tono di voce. È fondamentale infatti dosare l’intensità del parlato quando si parla con il proprio micio. I comandi negativi dovrebbero essere sempre espressi con tono severo. Mentre i comandi di apprezzamento in modo dolce. 

In questo modo il gatto riesce a capire quando la sua azione è corretta e può essere ripetuta o viceversa. I suoni quieti sono sicuramente i preferiti dal micio, mentre quelli forti e improvvisi lo infastidiscono. 

Gli atteggiamenti del gatto

Il gatto è un animale davvero intelligente e sensibile. È in grado di cogliere le nostre emozioni e atteggiamenti. Vediamo insieme quali sono i segnali che ci aiutano a comunicare con lui.

1. La gioia più intensa che un gatto può manifestare viene espressa tramite il “fare la pasta” sul corpo del proprio pet parent. L’azione di “impastare” serve al gatto appena nato per stimolare la produzione di latte nelle ghiandole mammarie di mamma gatta e per questo rappresenta per loro un momento di enorme piacere.

2. Il gatto si strofina su di te con la coda e le gambe? Buona notizia, significa che è felice e vuole marcare il suo odore su di te.

Gatto che si strofina sulle gambe del pet parent

3. Se agita la coda non è un buon segno. Solitamente è infastidito.

4. Le fusa invece sono un ottimo segnale. Significa che il tuo micio è al top del benessere.

5. Infine, se il gatto ha le orecchie erette lateralmente e gli occhi inclinati significa che è infastidito o arrabbiato. In questo caso, perchè non provare ad allietarlo con un gioco?

Gatto rosso che gioca con i giochi di Ferplast

Stimolare la curiosità del proprio micio può rappresentare un buon modo per distrarlo e superare i momenti di stress e noia. La gamma di giochi Clever & Happy di Ferplast per gatti attivi e felici unisce l’esercizio fisico a quello intellettuale. In particolare, Vertigo fa divertire il tuo gatto simulando la preda in fuga grazie al movimento delle palline.

Consigli per comunicare al meglio

Finora abbiamo cercato di interpretare i simboli che il micio utilizza per far capire il proprio benessere o malessere. Ecco invece alcuni consigli su come comunicare con il proprio gatto. 

1. Utilizza un tono di voce più profondo per comunicare che sei arrabbiato e uno più alto per indicare serenità.

2. Ripeti la stessa parola più volte per fare in modo che il gatto associ il suono delle parole alle azioni.

3. Sii coerente. Se stai riprendendo il gatto non accarezzarlo, altrimenti lo confonderai.

4. Siediti all’altezza del micio con le gambe incrociate per parlargli. Si sentirà più a suo agio con te.

In conclusione, comunicare con il proprio micio è possibile. È importante fare attenzione ai suoi atteggiamenti e segnali per capire come instaurare con lui un rapporto sano e disteso. 


Share the love

Lascia un Commento

Il suo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *