Ricerca contenuti, post, video..

ADOTTARE UN GATTO MASCHIO O FEMMINA

Share the love

La primavera è il periodo ideale per adottare un gatto e farlo entrare a far parte della famiglia. E’ giusto però tenere in considerazione alcuni aspetti che ci aiutano a  scegliere se prendere un micetto vivace o una graziosa gattina. 

Maschio o femmina? Non è una domanda da poco per chi si appresta a scegliere di fare entrare un micio in casa. Caratterialmente, per abitudini ed educazione micio e micia sono diversi.

Le differenze tra un gatto maschio o femmina 

Solitamente i gatti maschi sono molto più coccoloni, soprattutto dopo essere stati sterilizzati, mentre le femmine sono più aggressive o difensive per la loro natura materna. Le gatte infatti per proteggere la prole tendono ad essere diffidenti nei confronti degli estranei.

Per gli animali non sterilizzati la vera differenza tra un micio e una micia si può notare nel periodo dell’accoppiamento. Il gatto maschio, infatti, nel periodo del calore tende a scappare di casa soprattutto di notte, spesso allontanandosi per più giorni. Ovviamente questo comportamento mette a rischio la sua salute e la sua vita. Tornerà spesso malconcio dalle sue uscite notturne, dopo aver fatto qualche zuffa con altri gatti. Inoltre, nel periodo dell’accoppiamento secerne degli odori per tutta la casa, non molto gradevoli.  

Il gatto femmina nel periodo del calore raramente scappa di casa, ma diventa molto irrequieta ed iperattiva, per attirare un compagno nella propria casa. La gatta entra in calore due volte l’anno, diventando rumorosa e agitata soprattutto di notte. Anche la micia secerne degli odori in casa.

Nel caso di gatti sterilizzati, la differenza tra maschio e femmina è quasi nulla. Il genere è solo una delle variabili che possono influire sulla personalità di un micio e spesso a fare la differenza sono altri fattori. Il temperamento è più determinato dalla razza che dal sesso.  Come ben noto ci sono razze più affettuose e calme rispetto ad altre, ad esempio il British Shorthair e il Maine Coon. 

Nel caso in cui il gatto venga sterilizzato in età adulta, tenderà a mantenere alcune abitudini che si erano consolidate in precedenza, come ad esempio per il maschio la difesa del territorio e per la femmina la caccia di piccole preda da portare alla prole. Inoltre, il gatto maschio sterilizzato ha la tendenza a diventare più pigro della femmina e di conseguenza a incorrere nel rischio di patologie legate al sovrappeso.

Convivenza tra gatto maschio e gatto femmina 

Se in famiglia è già presente un gatto prima di adottarne uno nuovo è bene tenere in considerazione il carattere del micio che già ospitiamo. 

I gatti sono animali solitari, che non faticano a stare anche soli, quindi partendo da questo presupposto cerchiamo di rispettare l’indole del nostro peloso prima di fare una scelta che può metterlo a disagio. 

Se il nostro micio ha un temperamento timido, sopporterà poco l’arrivo di un gatto dominante e viceversa. Anche la taglia e l’età sono importanti. Due gatti della stessa grandezza tendono ad accettarsi di più, come anche della stessa età. Un gatto anziano non ama vedere il suo spazio invaso da un micio giovane e irrequieto. 

Per quanto riguarda il sesso ecco come regolarsi: 

  • un maschio e una femmina non sterilizzati possono accoppiarsi quindi potrebbe diventare un problema poi trovare a chi far adottare i cuccioli 
  • due gatti maschi non sterilizzati tenderanno a litigare per dominare il territorio 
  • due gatte femmine in generale vanno d’accordo 

Maschio o femmina? Avete deciso che micio adottare? Speriamo di esservi stati utili. 


Share the love

Lascia un Commento

Il suo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *