Ricerca contenuti, post, video..

COME E QUANDO SVERMINARE IL GATTO?

Share the love

Sverminare il gatto è la prima cosa da fare quando si porta a casa un micio, soprattutto se è appena nato. Perché i gatti vanno sverminati? Quando sarebbe più opportuno farlo? Ecco la nostra guida completa sulla sverminazione!

Quali sono i vermi del gatto?

Esistono diversi tipi di vermi che possono infastidire il gatto, tra i più comuni ci sono tenia e ascaridi, ma si possono anche semplicemente distinguere dalla forma: ci sono i vermi tondi, i vermi uncinati e i vermi piatti. Proprio per questa varietà, non esiste un farmaco universale capace di eliminare ogni parassita del gatto, per cui bisogna rivolgersi sempre al veterinario.

Solitamente i vermi infestano i cuccioli attraverso il latte materno e i gatti adulti tramite le uova infette delle pulci.

Quando sverminare un gattino?

È importante sverminare il gattino con regolarità, sin da piccolo, all’età di 4, 6 e 8 settimane, così via fino al sesto mese. Ricordate che i vermi del gatto sono un disturbo di routine, ma non per questo vanno sottovalutati e devono essere curati da uno specialista!

Gatto adulto con i vermi

Se avete accolto in casa un giovane adulto dovete subito verificare se ha i vermi e sverminarlo al più presto. Infatti, anche se rispetto ai gattini piccoli, i gatti adulti sono meno spesso infestati dai vermi, rimane necessaria anche per loro una sverminazione regolare, con richiami, per assicurare loro una salute di ferro.

La frequenza dipende anche da quanto il gatto esce fuori casa. Il rischio di essere infestati da parassiti dipende dalla frequenza con cui il felino entra in contatto con gli escrementi di altri animali, e dalla pulizia della sua stessa lettiera. Le larve dei vermi sono piccolissime e quasi invisibili ad occhio nudo. Per questo bisogna pulire la toilette del gatto con frequenza giornaliera e lavarsi bene le mani dopo averla pulita.

Come avviene la sverminazione?

Se sospettate che il vostro gatto sia stato colpito dai vermi, raccogliete un campione di feci nell’arco di tre giorni e consegnatelo al veterinario. Solo lui sarà in grado di analizzarle per determinare l’esatta tipologia. Il veterinario prescriverà un vermifugo ad hoc, che sarà somministrato a distanza di una o più settimane, a seconda dell’età del micio.

Vermi nei gatti: quali sono le conseguenze?

Se un gatto non viene sverminato rischia di soffrire di gravi scompensi cardiaci, vomito, diarrea. Con l’andare del tempo tali rischi possono risultare addirittura fatali.

Sverminare il gatto è importante sia per il benessere e la salute dell’animale, che per quello delle persone che ci convivono. Alcuni parassiti intestinali possono trasmettersi dagli animali all’uomo e viceversa. Quindi è fondamentale non trascurare questo aspetto della salute dei felini!


Share the love

Lascia un Commento

Il suo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *