ferplast_dog_home

PERCHÈ I CANI SONO DIFFIDENTI VERSO GLI ESTRANEI

Chi vive con un animale in casa si sarà trovato almeno una volta nella situazione di dover ospitare amici o parenti allergici al suo pelo o semplicemente diffidenti e impauriti dalla bestiolina; dal canto loro anche Fido e Micio potrebbero reagire allo stesso modo di fronte agli estranei, perciò come bisogna comportarsi in queste situazioni?

Quando un cane è abituato a vivere in casa, quell’ambiente diventa la sua zona di comfort, protetta e sicura. Naturalmente se è ancora un cucciolo ci vorranno alcune settimane prima di prendere confidenza con gli spazi e con le persone che ci vivono all’interno.

Non c’è da preoccuparsi, infatti, se il cagnolino appena arrivato teme le situazioni e le persone che non ha mai sperimentato, tutt’altra cosa, invece, se a lungo andare continua a manifestare indiscriminatamente una paura generalizzata verso tutti gli estranei.

Un comportamento di questo tipo può essere causato da diversi fattori: la componente ereditaria incide sicuramente, ma la causa più determinante è la poca esposizione del cucciolo, ancor prima dell’adozione, agli individui di sesso, età e modi di fare differenti, che rappresentano un passaggio fondamentale per aiutarlo a prendere maggiore sicurezza, ossia una cattiva socializzazione. Un’altra causa di diffidenza, infine, potrebbe essere un trauma passato del cane.

Per risolvere questo problema dobbiamo cercare di non forzare mai l’avvicinamento del nostro cagnolino con chi non ha mai visto e pretendere di farlo socializzare a tutti i costi con uno sconosciuto che entra in casa, perché il risultato sarà solamente quello di impaurire ancora di più il povero animale.

Il cane, come prima cosa, deve familiarizzare con l’odore e con la voce di chi non conosce e per questo motivo, ancora prima di vedere fisicamente un estraneo, ne deve percepire la presenza. Per fare ciò, si può lasciare il cane in un posto in cui si senta sicuro, come può essere una cuccia da interni: Dog Home di Ferplast, ad esempio, essendo chiusa e ben protetta, farà sentire il cagnolino sicuro e lontano dai pericoli, ma gli consentirà al tempo stesso di avvertire chi c’è in casa. Al suo interno si possono inserire degli oggetti a lui familiari, in modo tale da tranquillizzarlo.

dog_home_ferplast

Questo tipo di cuccia, realizzata in legno TREE FRIEND, ha una solida porta chiudibile dall’esterno con una chiusura di sicurezza che previene aperture accidentali: in questo modo il cane, da una postazione nota e sicura, percepirà l’odore della persona sconosciuta, abituandosi in maniera graduale ad essa. La porticina di Dog Home si può anche facilmente rimuovere, riponendola nell’apposito vano nella parte superiore, in modo da trasformarla quando necessario in una normalissima cuccia da cui il cane può entrare e uscire a piacimento.

Dopo che Fido avrà metabolizzato la presenza degli estranei, dobbiamo cercare di far associare l’incontro ad un’esperienza positiva, per esempio offrendogli del cibo o dei giochi. Con poche ma caute mosse il nostro cucciolo si abituerà senza troppe difficoltà a restare insieme a nuove persone.

Un rifugio sicuro per il nostro cane non è da sottovalutare, anzi, deve essere un oggetto irrinunciabile nelle nostre case, per donargli una zona di relax e comfort, che potrà utilizzare sempre quando ne sentirà l’esigenza, per sentirsi protetto e sicuro o solo per poter fare qualche tranquillo riposino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *